Nella pelle del bambino. Figura materna e costruzione del sé.pdf

Nella pelle del bambino. Figura materna e costruzione del sé PDF

Maria Amati

Tutti abbiamo un ricordo legato alla nostra mamma, per alcuni sono bei ricordi mentre per altri rappresentano ferite insanabili e fratture profonde nella propria identità. Molti pazienti anche se adulti cercano ancora risposte alle domande sul motivo per cui la loro madre abbia potuto picchiarli, o umiliarli, o ignorarli, o farli sentire costantemente sbagliati. In questo libro ho voluto, attraverso queste esperienze, far comprendere i meccanismi profondi, inconsci, emotivi, che determinano lesperienza di figli non amati o amati nel modo sbagliato, ne ho delineato alcuni schemi operativi che si trasmettono per generazioni ed ho anche cercato di far comprendere che una madre talvolta ripropone lunico modello di madre che ha conosciuto. Il quadro dinsieme che emerge è quello di un rapporto che segna non solo linfanzia ma determina fortemente la personalità adulta ed il modo di rapportarsi con il mondo esterno, in un contesto complessivo che ha poco a che fare con listinto. Perché essere genitori non è facile ma, se si conoscono i meccanismi che prendono vita nella diade materna, probabilmente è possibile evitare alcuni errori, pur consapevoli che la perfezione non esiste.

Dunque i giochi cambiano intensità e caratteristiche col mutare dell’angoscia del bambino: si presentano sadici e crudeli nella fase schizoparanoide, in cui l’angoscia persecutoria raggiunge livelli parossistici e di difficile dominazione interna, spingendolo alla volontà di distruggere l’oggetto primario materno per non venir a sua volta dallo stesso distrutto, per divenire più ... Sostanzialmente se la costruzione dell'identità di genere ha esiti piuttosto positivi nelle personalità cisgender, ossia in quelle persone che si riconoscono pienamente (a prescindere dalle sfumature comportamentali, relazionali e di scelta personale) nel sesso che la natura gli ha assegnato e che vengono riconosciute dalla società a partire dal binarismo maschio-femmina, l'altro lato della ...

2.51 MB Dimensione del file
9788899566265 ISBN
Nella pelle del bambino. Figura materna e costruzione del sé.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.pottsvillepreschool.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

05/11/2019

avatar
Mattio Mazio

Nella pelle del bambino. Figura materna e costruzione del Sé. Tutti abbiamo un ricordo legato alla nostra mamma, per alcuni sono bei ricordi mentre per altri rappresentano ferite insanabili e fratture profonde nella propria identità.

avatar
Noels Schulzzi

+39 0547 346317 Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12. 0

avatar
Jason Statham

NELLA PELLE DEL BAMBINO. FIGURA MATERNA E COSTRUZIONE DEL SÉ Autore: Amati Maria Editore: ISBN: 9788899566265 Numero di tomi: 1 Le migliori offerte per Nella pelle del bambino. Figura materna e costruzione del sé - Amati Maria sono su eBay Confronta prezzi e caratteristiche di prodotti nuovi e usati Molti articoli con consegna gratis!

avatar
Jessica Kolhmann

significatamene a prendere forma l’idea che il movimento è il motore principale per la costruzione dell’intelligenza del bambino. ... questa figura con il decreto Bindi ... quello di "fare un'esperienza migliore di sé, nella corporeità, nel movimento, nell'espressione creativa, nella relazione con l'altro". altri, di stare nella realtà in una reciprocità di adattamenti bambino-am-biente. Certi bambini devono ancor maturare perfino il primo nucleo del sé e dell’intersoggettività, e per loro l’azione pedagogica non può scin-dersi da quella terapeutica. Oggi sono in aumento i disturbi della regolazione, o meglio sono au-