One day we must meet. Le sfide dellarte e dellarchitettura italiane in America (1933-1941).pdf

One day we must meet. Le sfide dellarte e dellarchitettura italiane in America (1933-1941) PDF

Sergio Cortesini

«Il saggio di Sergio Cortesini ricostruisce la macchina della propaganda, più o meno diretta, del regime negli Stati Uniti» - Dario Pappalardo, RobinsonOttobre 1937. A suggello di un fruttuoso colloquio alla Casa Bianca, il presidente Roosevelt rivolge a Vittorio Mussolini lauspicio di incontrare presto suo padre Benito. «One day we must meet»: sono parole incoraggianti per chi, come il figlio del duce, è inebriato dallo scintillante american way of life ed è lì a rappresentare lo spirito più giovanile e modernista del fascismo. Il grande paese è in quegli anni sempre più spesso interlocutore privilegiato, al centro delle fitte trame della cosiddetta diplomazia parallela. Larte e larchitettura moderne sono impiegate dal governo fascista come ambasciatrici culturali, in modo pervasivo e tenace, per confezionare miti in grado di sedurre le masse e accattivarsi le simpatie dellopinione pubblica. Una prassi, questa, che genera occasioni e spazi concreti: da un lato gli imponenti padiglioni nazionali, come quello delliconica esposizione internazionale di Chicago del 1933, dallaltro le grandiose mostre dei contemporanei - Casorati, Sironi, Levi, Carrà e de Chirico, tra gli altri - accanto ai celebrati old masters, le cui opere intraprendono avventurose traversate transatlantiche grazie anche allintraprendenza di personaggi come Dario Sabatello, Mimì Pecci Blunt e Giulio Carlo Argan. Con una felice insistenza sulla ricostruzione dei luoghi e del vivace clima culturale dellepoca e attingendo a centinaia di documenti darchivio inediti, Sergio Cortesini ripercorre la parabola dellarte moderna italiana in America tra il 1933 e il 1941. Dai successi iniziali si assiste così al progressivo deteriorarsi delle relazioni politiche fino al loro definitivo e tragico tramonto, segnato dallingresso in guerra dellItalia. È la fine di tutte le illusioni di grandezza: i padiglioni vengono demoliti e le opere darte rinchiuse nei depositi. Per coloro che hanno creduto sinceramente in un italianismo declinabile nelle forme dellestetica moderna e in una rinnovata potenza comunicativa dellarte nazionale, la frase di Roosevelt è rimasta una profezia lost in translation.

Le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America (1933-41) Il Museo del Novecento è lieto di ospitare Sergio Cortesini per la presentazione del libro "One day we must meet", dedicato alle mostre, alle fiere e alle grandi esposizioni internazionali che hanno visto l'Italia in prima linea nel periodo interbellico.

8.82 MB Dimensione del file
9788860100955 ISBN
Gratis PREZZO
One day we must meet. Le sfide dellarte e dellarchitettura italiane in America (1933-1941).pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.pottsvillepreschool.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Martedì 25 febbraio alle ore 15:00 in Aula Magna dell’Università degli Studi di Genova si terrà un seminario a partire dal libro “ One day we must meet. Le sfide dell’arte e dell’architettura italiane in America (1933-1941) ” di Sergio Cortesini. Con l’autore dialogano Francesco Cassata, storico e Paola Valenti, storica dell’arte. One day we must meet. Le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America (1933-1941) PDF Sergio Cortesini «Il saggio di Sergio Cortesini ricostruisce la macchina della propaganda, più o meno diretta, del regime negli Stati Uniti» - Dario Pappalardo, RobinsonOttobre 1937.

avatar
Mattio Mazio

Sergio Cortesini, “One day we must meet. Le sfide dell’arte e dell’architettura italiane in America (1933-1941)”, Johan & Levi. Il saggio illustra il tentativo del fascismo di esportare in U.S.A il proprio modello estetico modernista. A rappresentare l’arte italiana, Vittorio Mussolini e Margherita Sarfatti.

avatar
Noels Schulzzi

One day we must meet: le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America ( 1933-1941). Front Cover. Sergio Cortesini. Johan & Levi editore, 2018 ... 14 gen 2019 ... One day we must meet. Le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America ( 1933-1941). A breve in libreria. L'arte e l'architettura sono state ...

avatar
Jason Statham

One day we must meet. Le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America (1933-1941) è un grande libro. Ha scritto l'autore Sergio Cortesini. Sul nostro sito web elbe-kirchentag.de puoi scaricare il libro One day we must meet. Le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America (1933-1941). Martedì 25 febbraio alle ore 15:00 in Aula Magna dell’Università degli Studi di Genova si terrà un seminario a partire dal libro “One day we must meet. Le sfide dell’arte e dell’architettura italiane in America (1933-1941)” di Sergio Cortesini. Con l’autore dialogano Francesco Cassata, storico e Paola Valenti, storica dell’arte.

avatar
Jessica Kolhmann

Martedì 25 febbraio alle ore 15:00 in Aula Magna dell’Università degli Studi di Genova si terrà un seminario a partire dal libro “ One day we must meet. Le sfide dell’arte e dell’architettura italiane in America (1933-1941) ” di Sergio Cortesini. Con l’autore dialogano Francesco Cassata, storico e Paola Valenti, storica dell’arte. One day we must meet. Le sfide dell'arte e dell'architettura italiane in America (1933-1941) PDF Sergio Cortesini «Il saggio di Sergio Cortesini ricostruisce la macchina della propaganda, più o meno diretta, del regime negli Stati Uniti» - Dario Pappalardo, RobinsonOttobre 1937.